Recensioni

Samsung Galaxy Z Flip3

Ho questo telefono da 3 mesi circa, dopo essere stato possessore per un anno della seconda serie.

Seconda serie che mi aveva dato non pochi grattacapi, perché il (piccolo) display esterno si era rotto due volte in meno di un anno, costringendomi ad altrettante sostituzioni (in garanzia) presso il riparatore autorizzato. Quest’ultimo ormai mi accoglieva con lo sguardo della serie: “Ma come!, ancora??”.

Globalmente, sono sicuramente soddisfatto di questo telefono. Ma non mancano luci ed ombre.

Pregi

  1. Portabilità. Credo sia l’ovvio vantaggio dello Z Flip3, che occupa poco spazio nonostante il buon display da 6.7 pollici. Piegato, il telefono ha queste dimensioni: 166 x 72.2 x 6.9 mm.
  2. Display. E’ un super AMOLED con una risoluzione discreta (1080 x 2640 pixels @ ~426 ppi) e 120Hz, e dalla buonissima visibilità. La “piega” al centro si nota, ma non è fastidiosa (almeno per me). E’ di plastica e non vetro, ma in fabbrica viene applicata una pellicola protettiva che scongiura problemi (e che sarebbe meglio non rimuovere).
  3. Estetica. Fa un figurone – col suo colore crema, e le superfici interamente in vetro. La finitura è notevole, non c’è che dire.
  4. Display esterno. Mentre quello della seconda serie era un minuscolo ed essenzialmente inutile orpello, in questa terza serie hanno realizzato un pannello finalmente fungibile e utile (super AMOLED anch’esso, da 1.9 pollici) , dal quale si possono visualizzare le notifiche ed anche alcuni utili widget. Col doppio clic sul pulsante di accensione, ed attivando la fotocamera, mostra anche le immagini in ripresa.

Difetti

  1. Batteria. Da 3300 mAh e dotata di carica wireless, fatica ad arrivare a fine giornata, nonostante io non ne faccia un uso eccessivamente intensivo: le app che utilizzo più spesso sono Edge, Notion, Youtube, Amazon, WhatsApp, LinkedIn, Telegram – ma tutte in modalità “mordi e fuggi”, cioè senza stare incollato al display. Utilizzo molto anche Waze per lavoro, ma ormai mi sono rassegnato ad avere sempre il telefono in carica tramite la presa accendisigari. Va detto che tengo il display esterno in modalità always on, e questo di sicuro non aiuta.
  2. Scivolosità. Farà sorridere, ma lo considero un problema serio di questo telefono: OVUNQUE lo appoggi, scivola. Basta anche una minima pendenza… e se ne va. Anche dalle dita, se si ha la pelle secca. Non aiuta di sicuro la bella superficie in vetro della scocca, ma di certo bisogna stare molto attenti a dove lo si colloca.
  3. Fotocamere. Lo Z Flip3 ha due fotocamere esterne: quella “principale” con f/1.8 e 12 megapixel, e quella ultrawide con f/2.2 sempre da 12 megapixel. La selfie camera interna ha f/2.4 e 10 megapixel. Una dotazione, insomma, che non mi pare essere al passo con quella offerta dalla concorrenza (anche meno agguerrita). Infatti le fotografie sono “normali”, benché i filtri di elaborazione funzionino piuttosto bene. Del resto, però, questo non è né vuole essere uno cameraphone.
  4. Espandibilità. Accetta una sola SIM, e manca lo slot per la microSD.

Varie ed eventuali

  • Ho sempre preferito il sensore di impronte laterali a quello sul display, e qui non si fa eccezione. Il sensore è integrato nel pulsante di accensione/spegnimento, e funziona benissimo.
  • La possibilità di utilizzare il telefono piegato anche di 90 gradi, è comoda – e diverse applicazioni si ottimizzano per sfruttare questa potenzialità. Volete mettere la sensazione di splamarsi sul divano a mani dietro la testa, e guadare un video YouTube col telefono appoggiato sul petto? 😀
  • Comodissima anche la possibilità di rispondere e chiudere le chiamate, aprendo e chiudendo il flip – come si faceva coi mitici StarTac Motorola ed altri.
  • Sulle prestazioni, nulla da dire: 8 GB di RAM e lo Snapdragon 888, fanno il loro mestiere.
  • Scrivevo che il display è in plastica e non vetro: del resto, se fosse in quest’ultimo materiale, non potrebbe piegarsi. La conseguenza è che si sporca molto più facilmente e si pulisce molto meno agevolmente.

In conclusione

Lo ricomprerei?

Sicuramente sì.

AGGIORNAMENTO A 6 MESI DALL’ACQUISTO

(2022-03-16)

Mi sento sostanzialmente di confermare le impressioni di cui sopra.

Devo ammettere che il telefono mi è anche caduto più volte (!), proprio per via del suo essere così scivoloso; ma la scocca ha resistito bene, al netto di quale piccolo graffio.

Il display principale invece ha cominciato a mostrare questo difetto:

In corrispondenza della piegatura (a sinistra della chiave di violino, in foto), si è leggermente sollevata la pellicola protettiva. E’ quindi abbastanza inevitabile che, al di sotto, si infili polvere… col risultato della foto: visibile, purtroppo, specie sui fondi chiari.

Credo che farò valere la garanzia… evitando di togliere la pellicola (vedi sopra), e auspicando che venga rimossa e poi messa ex novo.

L’unico aspetto seccante degli interventi in garanzia (ed io lo so bene, vedi inizio articolo), è che resettano completamente il telefono… a prescindere dal tipo di intervento che devono fare. E quindi ne consegue il delirio totale di re-installare ogni cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.